1_ok

Abbiamo il piacere di cedere la penna (o meglio la tastiera) a Raffaele…un nuovo membro delle nostre experiences.
Identikit: siciliano (modicano), ciclo- accompagnatore, trentenne e innamorato della sua terra!
La sua travolgente passione per quel lembo della Sicilia orientale in cui è nato e di cui desidera mostrare l’aspetto slow e rurale…ci ha subito colpiti ed affondanti.
 
Ecco un suo racconto di un ciclo viaggio dell’ estate del 2012.
Buona lettura ( ah, se dovesse venirvi un’irrefrenabile voglia di pedalare tra muretti a secco e trezzere…non stupitevi!)
 
“Le protagoniste di questo viaggio sono state Rita e Norah, due simpaticissime signore di origine ispanica arrivate in Sicilia questo giugno, che Laura ha reclutato negli “States” e ovviamente noi, Agostina, Luca, Francesco e Raffaele tutti parte dello staff di Mediterraneo Bike. Abbiamo iniziato a Noto per concludere sette giorni dopo a Sampieri, perla balneare della costa meridionale. Non solo bici si diceva, ma anche trekking rilassanti e brevi. A Noto passeggiata fra le bellezze barocche di questo vero e proprio giardino di pietra, per concludere con una degustazione all’ ombra dei mascheroni del più bel palazzo nobiliare della città. Nei successivi due giorni siamo stati ospiti della riserva naturale di Vendicari, straordinaria metà per i birdwatchers di tutto il mondo, dove ci siamo rilassati fra gli agrumeti e gli uliveti di un agriturismo. Poi al calar dell’afa che caratterizza il giugno siciliano, siamo saliti in sella attraversando i vigneti della “Strada del vino Val di Noto”, culla del re dei vitigni siciliani: il “ Nero d’Avola”. Concludendo con una visita in un’intima cantina locale, una piacevole chiacchierata con l’enologo e tante leccornie locali. Il giorno successivo, trasferimento verso l’interno, sull’altopiano ibleo, caratterizzato da imponenti vallate e canyon, scrigni della biodiversità locale. Abbiamo pedalato lungo la ciclabile ricavata da un ex tragitto ferroviario e poi un po’ di trekking nella storia,fra chiese bizantine e la necropoli più grande d’Europa concludendo con sosta a Ferla, perla di montagna e celebre per il suo profumato olio extra vergine d’oliva. Poi è stata la volta di altre gemme dell’architettura barocca:a Modica e Ragusa fra piazze e scalinate scenografiche,chiese e palazzi tutto diventato patrimonio UNESCO. Ma prima abbiamo trascorso una giornata nella campagna modicana, dove si producono da secoli alcuni fra i formaggi più buoni dell’isola. In un’azienda agricola, fra tradizione e modernità, siamo stati nutriti con “semplici”piatti della cucina contadina e dopo abbiamo nutrito il bestiame insieme alla “massaia” di casa. Il trasferimento verso il mare negli ultimi due giorni, dato il caldo africano, era tanto atteso.
Qui, la costa iblea, la più a sud d’Europa, ci ha coccolato, permettendoci di pedalare sempre a pochi metri dal mare,attraverso scogliere, spiagge e dune sahariane. Ci siamo rigenerati, noi e le nostre biciclette, nel ben attrezzato bici grill di Sampieri, struttura dagli alti standard con tanti servizi per il ciclo viaggiatore. Il nostro classico momento dedicato alla gastronomia siciliana, ci ha visti rigenerarci con granite e gelati nei tanti bar della costa,rinfrescandoci in puro stile siculo.
Il picco d’euforia è stato raggiunto durante la preparazione a mano dei ravioli con ricotta e dei cavati al sugo sotto la supervisione della mamma di Agostina.
La bicicletta, come detto all’ inizio, ha creato un viaggio dai mille volti; quelli delle tante persone incontrate e dei variegati panorami che hanno sempre dato vita a lunghe conversazioni. “Di chi si sta prendendo gioco, quel mascherone che sostiene quello splendido balcone barocco?”. “Il vostro pranzo è sempre così rituale?”.
“Grande viaggio in un piccolo ma incantevole angolo di
Sicilia, il sud est di fronte all’ Africa”, hanno pensato. Adesso , nelle prossime settimane spazio agli altri angoli dell’isola, dal trapanese a ovest, all’ Etna e le altre montagne a nord.”
 
CHI VOLESSE PEDALARE CON RAFFAELE: In Bici con Raffaele

Commenti

Commento

Racconti di biciclette: Raffaele
Modica