1382312_640621282649690_913349019_n

ROMA | ore 12:00
 
Settembre è stato un mese intenso per noi, inseguendo la vespa de Il Perimetro da Muggia siamo andati verso sud rincorrendo gli ultimi scampoli d’estate… direzione: Modica-Sicilia. Dall’inizio del mese abbiamo percorso 4000 chilometri…facendo letteralmente su e giù per lo stivale.
La valle degli Iblei ci è molto cara, Roberto è nato qui..e anche da questo posto nasce l’idea del nostro progetto.
E’ quasi notte.. arriviamo. Modica si presenta davanti a noi, così come G. Bufalino  la descriveva ..” in figura di melagrana spaccata; vicino al mare ma campagnolo; metà ristretto su uno sprone di roccia, metà sparpagliato ai suoi piedi; con tante scale fra le due metà a far da pacieri, e nuvole in cielo da un campanile all’altro” .
Arriviamo a La casa dell’Artista,attraversando la campagna modicana. Nel buio brilla il dedalo infinito di muretti a secco sotto un cielo di stelle luminose. In posizione dominante, a debita distanza le une dalle altre, scorgiamo le masserie, alcune così grandi da sembrare borghi, con stalle, magazzini, frantoio e addirittura chiesette. Per strada ci siamo solo noi. Attraversiamo il lungo viale che porta a destinazione…e finalmente arriviamo.
Conosciamo bene questo posto, Roberto è cresciuto tra questi ulivi e carrubi. Sua madre, Liliana, 20 anni fa ha deciso di ristrutturare una masseria posta in cima ad una collina. “Ricordo la prima volta..sentii subito l’energia di quella terra. In quelle stalle tra quelle volte alte e quei grandi spazi capii..da quelle pietre bianche e in mezzo a quegli alberi sofferenti sarebbe nato un luogo di pace e meditazione”.Ed è proprio questo che si respira. In luoghi come questo capiamo quanto sia forte e indissolubile il legame con la terra. La nostra valigia si riduce a un paio di pantaloncini e una maglietta..non esistono più sovrastrutture e l’unico imperativo appena svegli è..esploriamo!
Ci riscopriamo “contadini”..google ormai ci serve solo per cercare quando è il momento giusto per raccogliere le olive, di che qualità sono le mandorle e come si fa la salamoia! Cambiano le priorità.
La casa dell’Artista è un esempio virtuoso di recupero nel rispetto della tradizione e del paesaggio con un tocco di originalità. La struttura non è stata snaturata rispettando le forme di un tempo, le pietre, i soffitti alti con le travi a vista, i vecchi anelli per legare le bestie, le mangiatoie..tutto “condito” dalla creatività di Liliana che ha dispiegato tutto il suo estro nella decorazione degli interni.
Il 28 settembre aspettiamo Gianluca ed Eleonora de Il Perimetro..ci eravamo lasciati a Muggia dove la bora stava già portando con se l’autunno. E ci ritroviamo qui, in un caldo sabato pomeriggio. Liliana e Roberto preparano le scacce nel baglio..mani sporche di farina, due generazioni che si confrontano su come stendere la pasta, il pomodoro che bolle da ore. Sembrano racconti che appartengono ad un’altra epoca. Per noi viaggiare vuol dire proprio questo..entrare in punta di piedi e vivere quel luogo come se ne facessi parte.
 
Al prossimo capitolo!
 
Ciao!
Den e Robi
 
Se volete dormire nella masseria di Liliana, visitate La Casa dell’Artista

Commenti

Commento

EXPLORING SICILY: Modica e la Casa dell’Artista
Modica