DSC_3927_ok

Sveglia puntata alle 6:50, occhi abbottonati come non mai e Roma deserta. Partiamo alla volta di Sorano (Grosseto-Maremma toscana).
Percorriamo la Roma-Civitavecchia per poi imboccare l’Aurelia, direzione Grosseto…abbiamo passato quasi tutte e due le ore di viaggio a pronunciare qualsiasi cosa con la “c” aspirata tipica toscana (immaginate cosa può essere venuto fuori da un siciliano e una nordica!).Il paesaggio fuori dal finestrino si addolcisce e abbandona la morsa del cemento. La campagna toscana ci appare come attraverso un caleidoscopio…dorata e rubino, una leggera nebbia avvolge tutto mescolando la tavolozza.
Ad attenderci a Sorano c’è Erika: fiorentina doc che ha abbandonato la città per inseguire la campagna e diventarne la custode. Il  BIO AGRITURISMO fu una dogana del 1600 dove coloro che varcavano il confine fra lo Stato Pontificio e il Granducato di Toscana, sostavano in cerca di ristoro… se le pietre di tufo che lo sostengono da 400 anni potessero parlare, ci racconterebbero le storie di viandanti antichi e moderni. Questo posto è nato per ospitare le persone!

 

DSC_3851_ok

 

Mentre passeggiamo attorno al casale Erika ci racconta che il suo progetto “è stata una scelta di vita”. A qualsiasi cosa può essere data una seconda chance: l’antica dogana trasformata in un agriturismo che si alimenta al 100% da fonti rinnovabili, gli oggetti gettati diventano appendiabiti fatti con un vecchio rastrello e le bobine dei cavi elettrici prendono la forma di sedie e tavoli
Quello che ci affascina di più è il racconto dell’orto sinergico (che fino a qualche tempo fa avevamo scambiato per qualcosa di simile ai cerchi nel grano) questo modo di coltivare restituisce alla terra, in termini energetici, più di quanto si prende, facilitando i meccanismi di auto fertilità del suolo. ” Si cucina quello che c’è nell’orto” quindi chi cena qui non  troverà mai il pomodoro a dicembre! Per chi non ha ancora il coraggio di lasciare definitivamente i palazzi e il traffico ma vuole capirci qualcosa di più, la fattoria didattica dell’agriturismo vi inizierà a questo affascinante mondo.
Sostenibile, accogliente e sapientemente diretto…il BIO Agriturismo ed Erika entrano a diritto nel contenitore di That’s Amore Italia.
Dopo averci consegnato una preziosissima mappa dei dintorni e averci farciti come due porchette di informazioni, Erika ci saluta..la terra chiama!

 

1483358_10202766496191487_621938334_n_ok

 

 A pochissimi chilometri dal BIO agriturismo si trova il borgo medievale di Sorano, posto al centro delle “terre del tufo” . Regna un silenzio irreale, sembra tutto cristallizzato nella pietra…iniziamo ad esplorare i vicoli in cui si sente forte l’odore della legna bruciata nei camini. Dietro ogni angolo si nasconde uno strapiombo..l’intero paese è arroccato sulla rupe..tanto che qualcuno la chiama “la Matera Toscana“. Ci fermiamo ad ammirare il panorama…i colori dell’autunno si fondono con il tufo in un abbraccio simbiotico.

DSC_3919_ok

 

Passeggiando tra i vicoli ci accorgiamo che ogni porta è decorata con delle strane ghirlande di plastica, ci sono alberi di natale ovunque anch’essi decorati con palline riciclate, quando arriviamo di fronte ad un presepe fatto dentro una cariola…decidiamo che dobbiamo capirci di più!

Uno sguardo curioso e spaesato trova sempre una risposta nei piccoli borghi italiani. L’uomo che scioglierà ogni nostro dubbio è Claudio Franci, responsabile dell’ Avis di Sorano e il deus ex machina della rassegna che coinvolge tutti i cittadini (400 abitanti). Ed è grazie a lui che scopriamo nascosti dietro i portoni, 45 presepi costruiti con qualsiasi tipo di materiale: dentro un acquario, con i tappi di sughero, con le ceramiche di Deruta, dentro un televisore…i talentuosi soranesi hanno esplorato tutti i confini possibili. L’intero paese è in fermento ed è un laboratorio a cielo aperto!
 

DSC_3982_ok

 
Questo piccolo angolo di Maremma sostenibile, sinergico e combattivo ci ha ricordato che qualsiasi cosa può avere una seconda vita..le case, la plastica, le persone e i borghi dimenticati!
 

Dimenticavamo, a Sorano il capodanno si festeggia il 30 dicembre!

 

Sostenibilmente,

 

Den e Robi

 

Per che volesse soggiornare nell’agriturismo di Erika visitate la pagina BIO AGRITURISMO 

Commenti

Commento

EXPLORING TUSCANY: Sorano sostenibile e sinergica
Sorano