SICILIA

ROMA | ore 22:30
 
Zaini caricati in macchina, il nostro cane posizionato sul sedile posteriore, 12 ore di compilation per tenerci svegli..il nostro viaggio verso la Trinacria può iniziare: autostrada fino a Salerno, imbocchiamo poi  la Salerno-Reggio Calabria e con nostro immenso stupore notiamo che è quasi finita ( riduzione di carreggiata solo negli ultimi 15 km prima del traghetto e in brevissimi altri tratti!).
 
VILLA SAN GIOVANNI (RC) | ore 6:00
 
Sta per albeggiare quando intravediamo la costa siciliana, Roberto comincia a sentire “ciauru ri casa” (profumo di casa) ascoltiamo “Minha Galera” di Manu Chao…viaggiare di notte è stata decisamente una buona idea!
Il primo incontro con la gastronomia siciliana avviene sul traghetto per Messina..si dice che le arancine (a Catania li chiamano arancini) siano le più buone della Sicilia…vista l’ora abbiamo preferito un caffè e un cornetto ma ci siamo ripromessi di verificare al ritorno se è così!
 
CAVA D’ALIGA (RG) | ore 8:00
 
La macchina segna già quasi 30 gradi, ma l’aria che entra dai finestrini è frizzante (o forse è quel misto di eccitazione che ci pervade sempre quando stiamo per arrivare alla meta)…dal finestrino vediamo sfilare la campagna inseguendo il litorale ibleo…”ficu pala” (fichi d’india), terra bruciata, muretti a secco…infine vediamo apparire in lontananza la Fornace Penna (“o pisciuottu”) di Sampieri che sembra dirci: siete quasi arrivati a destinazione! Pochi kilometri, infatti e raggiungiamo Cava D’aliga con le sua spiaggetta di sabbia finissima, l’acqua verde e gli ibiscus in fiore ovunque.
Arriviamo al “campo base”. Da qui partiremo per le nostre esplorazioni.
 
A prestissimo,
Den e Robi
 
DOVE DORMIRE IN SICILIA: That’s Amore Sicilia

Commenti

Commento

EXPLORING SICILY: Partenza
Roma